Gruppo di Acquisto Solidale
 
Un GAS nasce da un insieme di persone e famiglie che decidono di trovarsi per trascorre un po' di tempo insieme, per parlare e scambiarsi informazioni sui propri consumi e per fare degli acquisti insieme, perchè condividono un pensiero e scelte critiche verso il modello di consumo e di economia tradizionale e cercano, quindi, un'alternativa pratica quotidiana. L'aggettivo "solidale" si riferisce alla solidarietà fra i membri del gruppo ma soprattutto verso i piccoli produttori, sia locali che nel Sud del mondo.
 
GASLa famiglia “gasista” sembra come tante altre, ma nel quotidiano cerca di spendere meno per cose inutili o non indispensabili, per acquistare invece prodotti di alta qualità, compresa la qualità sociale, e cioè il rispetto per la dignità della persona, per gli animali, per l’ambiente. RIDURRE i consumi in generale e SPOSTARE i consumi verso piccole realtà produttive locali, sono due obiettivi di ogni GAS. Ma il GAS è innanzitutto FARE RETE: inventare occasioni per far incontrare persone e famiglie; far sperimentare a grandi e piccini quanto sia bello rotolarsi in uno dei campi di grano coltivato da Paolo e amici a San Germano dei Berici; annusare il profumo dell’humus; vedere il forno a legna dove viene fatto il pane che arriva sulle nostre tavole; la soddisfazione di non avere in casa prodotti di multinazionali che sfruttano i lavoratori e non rispettano l'ambiente, la tranquillità di aver verificato dove e come vivono le mucche di Bladimiro dal cui latte deriva il formaggio e il burro che mangiamo, sapere che le “nostre” banane e ananas del commercio equo sono buone anche per chi le produce, e che nessuna "creatura" si ammala nelle “nostre” piantagioni di tè, cacao, canna da zucchero o caffè per colpa di sostanze chimiche…
Il gruppo di acquisto solidale di EQuiStiamo è nato alla fine del 1999 con il nome di GAS Unicomondo, perché alcuni dei promotori erano e sono soci (e all’epoca anche consiglieri) della cooperativa di commercio equo e solidale Unicomondo, cui rimaniamo profondamente legati. Da allora il nostro GAS si è evoluto e in parte riorganizzato, ma le scelte di fondo rimangono sostanzialmente le stesse.
 
Il nostro GAS, come tutti gli altri, si ispira a semplici criteri generali, che si traducono operativamente nel cercare un filo diretto con produttori e trasformatori che abbiano le seguenti caratteristiche: 
  • Piccoli – per non concentrare ulteriormente il potere economico nelle mani di grosse aziende o di multinazionali, cioè per "spostare" i consumi a favore di realtà produttive più piccole, più a misura d'uomo e controllabili;
  • Locali – per avere un rapporto il diretto con loro e le loro famiglie, per poter scambiare "saperi" e per far viaggiare le merci il meno possibile, soprattutto su gomma;
  • rispettosi dell’Ambiente – per favorire coltivazioni biologiche e biodinamiche, e favorire un consumo consapevole e decrescente di risorse naturali;
  • rispettosi della Persona e della dignità del Lavoro – per favorire il rispetto di condizioni di lavoro adeguate e la salute di lavoratori e consumatori e per costruire un futuro in cui ogni persona possa in piena libertà esprimere tutte le sue potenzialità;
  • rispettosi degli Animali - per eliminare completamente qualunque sofferenza ingiustificata agli animali e garantire loro rispetto e una vita dignitosa.
 
I motivi che hanno portato alla costituizione del GAS e poi dell'associazione sono di varia natura:
  • culturale: favorire la formazione e la circolazione di informazioni sui temi legati al consumo critico, all'ecologia, alla globalizzazione, alla decrescita sostenibile…
  • sociale: favorire relazioni e uno spirito solidale fra persone e famiglie, incluse quelle dei produttori…
  • politica: aumentare la visibilità di proposte alternative come i GAS stessi, il commercio equo, il consumo critico, il risparmio etico… promuovendo incontri tematici e altre attività, se possibile in collaborazione con altri GAS, associazioni, cooperative, coordinamenti, reti…
  • pratica: permettere alle famiglie aderenti di riorganizzare le modalità di acquisto, favorendo riduzione e spostamento degli acquisti e risparmio economico.
 
In questi anni abbiamo acquistato e condiviso vari progetti con alcuni amici Fornitori...   
 
  • per i prodotti freschi ci siamo riforniti da piccoli produttori della provincia di Vicenza; fra questi: Le Valli, Arcobaleno, La Sorgente, Al Confin www.alconfin.it, Carlan Agnese, Pacha Mama... Per gli agrumi ci siamo rivolti agli amici calabresi: Terre di Vasia www.terredivasia.blunews.com e Consorzio Goel www.consorziosociale.coop
  • per alimentari confezionati abbiamo scelto la cooperativa sociale La Pietra Scartata di San Clemente - Rimini www.lamadreterra.com, i prodotti Libera Terra www.liberaterra.it, la bottega Rinascere di Alte di Montecchio, la pasta biodinamica de L'Origine www.loriginepasta.it, prodotti dalla Locride tramite il Consorzio Goel www.consorziosociale.coop
  • i vegetariani, e non solo, del nostro GAS hanno acquistato prodotti derivati dalla soia (a base di tofu) e dai cereali (seitan) da Mediterranea www.mediterraneabio.it
  • per i cosiddetti "prodotti coloniali" e non solo, abbiamo acquistato i prodotti del Commercio Equo e Solidale tramite la cooperativa provinciale Unicomondo www.unicomondo.org, di cui l'associazione e molti di noi sono soci
  • per i prodotti di igiene personale e pulizia della casa ci siamo rivolti a Officina Naturae di Rimini www.officinanaturae.com
  • prodotti per il risparmio idrico di A.Q.system www.aqsystem.it
  • prodotti in cellulosa (piatti, salviette, carta igienica), mater-bi e pla (bicchieri, piatti e tazzine a base di amido di mais), legno (posate) tramite il Consorzio Italia Pulita www.venetopulito.it
  • per il conto in banca e altri servizi bancari l'associazione, e un numero crescente di soci e simpatizzanti, utilizza Banca Popolare Etica www.bancaetica.com
  • per la telefonia fissa e accesso ad internet l'associazione, e un  numero crescente di soci, utilizza Livecom, cooperativa sociale e primo operatore telefonico italiano non profit www.livecom.coop
 
Per saperne di più...
 
Non esitare a scriverci Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per chiedere informazioni sull'organizzazione interna del nostro GAS oppure su come far partire un gruppo di acquisto solidale: saremo ben lieti di raccontarti la nostra esperienza.
Ti segnaliamo intanto:   
  • il regolamento del nostro GAS;
  • i libri "GAS Gruppi di Acquisto Solidali" di Lorenzo Valera edito da Terre di Mezzo, "Gruppi di Acquisto Solidali - guida al consumo locale" di Andrea Saroldi edito da EMI; "Guida al consumo critico - informazioni sul comportamento delle imprese per un consumo consapevole" del Centro Nuovo Modello di Sviluppo edito da EMI;
  • la rivista altreconomia - l'informazione per agire;
  • il sito www.retegas.org.
17 gennaio 2010